logo: Archivi di Teatro Napoli

collezione Ragni

Fondi documentari

Raccolta privata, costituita da autografi, partiture manoscritte e a stampa, libretti, stampe e cimeli di interesse musicale e teatrale, incentrata sulla figura e l'opera di Gioachino Rossini (1792-1868).
Nella raccolta di autografi figurano opere di notevole interesse come un finale alternativo di Guglielmo Tell, elaborato dal compositore in occasione di una rappresentazione dell'opera a Bologna col titolo Rodolfo di Sterlinga; alcune pagine della partitura originale di Moïse et Pharaon, rappresentata a Parigi nel 1826; la partitura e le parti originali utilizzate per la prima esecuzione del Coro della Guardia Civica di Bologna nel 1848; molte pagine di musica cameristica, alcune delle quali rientrano nel novero dei Péchés de vieillesse.
Accanto alle partiture musicali di Rossini se ne conservano altre, autografe di autori contemporanei a lui, tra le quali un duetto da camera di Donizetti, un'aria degli Arabi nelle Gallie di Pacini, una cantata di Manuel Garcia; un inno di Halévy, etc.
La raccolta di lettere e documenti comprende circa 250 lettere autografe di Rossini. Molte di queste fanno parte dell'Archivio Vivazza, ovvero una serie di fascicoli, rilegati artigianalmente dal padre di Rossini, Giuseppe. Nei fascicoli, oltre a tutte le lettere che Rossini gli scrisse dal 1830 al 1838, il padre conservò contratti teatrali firmati dal compositore, le copie originali dei giornali che lo stesso Rossini gli inviava con le recensioni e gli articoli relativi alla sua musica, e numerose lettere inviate da impresari, librettisti, editori a Rossini.
Oltre alle lettere e ai documenti di interesse rossiniano si conservano nella collezione lettere e documenti di tutti i maggiori compositori e interpreti del melodramma del primo '800, o anteriori. Particolare attenzione meritano gli autografi dei compositori operanti in ambito napoletano, tra i quali spiccano i nomi di Cimarosa, Paisiello, Mayr, Carafa, Mercadante, Donizetti, Crescentini etc. La raccolta delle edizioni a stampa offre un ampio repertorio dell'editoria musicale italiana, tedesca e francese del periodo. Vi figura l'intera opera di Rossini nelle prime edizioni originali di Breitkopf & Härtel, di Simrock, di Schott & Sons, Pacini, Carli, Boieldieu, Ricordi, Girard, Lorenzi etc. In tale sezione compaiono prestigiose edizioni dei principali rappresentanti del melodramma italiano del periodo, con particolare riferimento a Mayr, Paër, Donizetti.
Figurano inoltre numerosissime edizioni antiche di opere di Gluck, Mozart e Haydn. La raccolta dei libretti, particolarmente significativa per le prime edizioni di opere di Rossini, spazia dal 1650 agli autori contemporanei, ed è ricca di esemplari di assoluta rarità, quali prime edizioni di libretti con annotazioni registiche, libretti di opere mai realizzate, bozze di stampa di libretti variati poi nella versione definitiva.
L'iconografia, prevalentemente costituita da stampe, offre un panorama completo del mondo melodrammatico italiano e francese dal 1750 al 1860 circa. Rossini vi figura con un amplissimo repertorio di incisioni e litografie, ma anche di quadri a olio, acquerelli, disegni a matita, fotografie autografate, porcellane, statue e medaglioni in marmo, bronzo e gesso. Nella raccolta spiccano il medaglione eseguito da Chevalier per il foyer del Théâtre de l'Opéra; l'unico busto fatto dal vivo da Dantan jeune; un bisquit firmato Jacob Petit, e numerosi altri esemplari di interesse artistico, oltre che storico.
La collezione offre inoltre un panorama pressoché completo degli interpreti, cantanti e ballerini, del melodramma dell'epoca.
Nella raccolta si conservano molte scenografie e costumi di opere di Rossini e di autori a lui contemporanei. Particolarmente rappresentata è l'opera di Alessandro Sanquirico, scenografo del Teatro alla Scala. Non mancano rarissimi esempi di scenografie e figurini realizzati a Napoli, come quelli ideati per le prime rappresentazioni al Teatro di San Carlo della Donna del lago (1817) e Zelmira (1822).
Completano la collezione una raccolta di manifesti teatrali, biglietti d'ingresso, ricevute di abbonamento, relativi all'attività dei teatri a Napoli, Milano, Venezia, Vienna, Londra, Parigi.
La biblioteca custodisce quasi tutta la letteratura consacrata nei secoli a Rossini, ma si segnala anche per le opere di consultazione, monografie e studi sui compositori e interpreti, di difficile reperimento.




Segreteria organizzativa
Associazione Voluptaria
via A. De Gasperi, 55
80133 Napoli
associazione.voluptaria@gmail.com
Valid CSS! Valid XHTML 1.0!