Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Il Museo

 

il museoIl Museo Archeologico dei Campi Flegrei, inaugurato nel 1993, è ospitato all’interno di una fortezza di età aragonese, opportunamente restaurata ed adeguata alla nuova destinazione espositiva, collocata sulla sommità dell’alto promontorio che chiude a Sud il golfo di Baia, e dal quale si domina l’intero golfo di Pozzuoli e le isole di Capri, Ischia e Procida.

Nel museo sono esposti reperti archeologici unici e di straordinario valore provenienti dai Campi Flegrei, un territorio la cui fama, legata all’amenità dei luoghi e alla salubrità delle sue sorgenti termali e del clima, è celebrata e tramandata anche nelle fonti antiche.

Vai

I percorsi

i percorsiNella splendida cornice paesaggistica che si ammira dalla fortezza aragonese, l'allestimento museale ricostituisce contesti smembrati di provenienza flegrea, riunendo reperti di vecchio ritrovamento, finora custoditi prevalentemente nei depositi del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, a quelli provenienti dai recenti scavi dell'Università Federico II, dell'Orientale, del Centre J. Bérard e della Soprintendenza stessa, secondo una esposizione ragionata per contesti topografici e tematici, sotto la direzione scientifica del prof. Fausto Zevi.

Nelle ex camerate dei soldati della fortezza, disposte in sequenza continua su due livelli, la visita comincia con la Sezione di Cuma al secondo livello, composta da ventiquattro sale con l'illustrazione della storia del sito dall'abitato opico di IX sec. a.C., alla città greca dall'VIII al V sec. a.C. e alla sua topografia: mura, strade, santuari necropoli - , alla città Sannitica di IV sec. a.C. - con l'esposizione nella sala n. 12 di un rarissimo fregio di metope dipinte e triglifi di un edificio templare - alla città Romana con l'esposizione di reperti scultorei e architettonici dagli edifici pubblici del foro all'ultima fase di occupazione nel periodo bizantino.

La Sezione di Pozzuoli, costituita da venti sale nel primo livello illustra la storia del sito:  la prima espansione urbana della colonia augustea - edifici per spettacoli, acquedotto, la città cosmopolita con la ricostruzione nella sala n. 37 della Grotta del Wady Minahy nel deserto egiziano - la colonia neroniana e il nuovo assetto urbano voluto dagli imperatori, la ripresa tardo-antica, le ville suburbane e le necropoli.
Sulla piazza d'Arme è visitabile la Sezione del Rione Terra, con l'esposizione dei reperti provenienti dai recenti scavi della Soprintendenza e pertinenti alla decorazione architettonica del Capitolium e a quella scultorea di altri edifici pubblici del foro augusteo, costituita da statue ideali, tra cui la testa di Athena Lemnia, da una serie di ritratti di età giulio-claudia e dai frammenti pertinenti a statue di cariatidi e clipei, che ricordano l'attico del foro di Augusto a Roma, di cui si propone all'esterno un'ipotesi di ricostruzione.

Contemporaneamente sarà sperimentata a cura del Personale addetto al restauro una nuova azione di manutenzione programmata delle opere esposte, finalizzata alla loro presentazione estetica e al loro monitoraggio conservativo.

Vai
Share |
Orario di apertura

feriali  e festivi dalle ore 9.00 alle 14.30 (ultimo ingresso alle 13.00).
Chisura settimanle: lunedì; festiva: 1° gennaio, 1° maggio, 25 dicembre.

Segnalazioni

Per gli Eventi organizzati al Museo vai alla pagina: degli Eventi della Soprintendenza

 

Avvisi

Importante: A decorrere da domenica 14 luglio 2013 sino  diverso avviso, il Museo nei giorni festivi potrà garantire la fruibilità di una sola Sezione espositiva, a causa di carenza di personale. Nei giorni feriali secondo l'orario e le modalità consuete segnalate.

Per carenza di personale di vigilanza e con la presenza in sala dei restauratori del locale Ufficio, tra tutte sezioni del Museo sono aperte quelle di Cuma (sale nn. 1-24), di Pozzuoli (sale nn. 25-46) e di Rione Terra (sala n. 47), mentre sono chiuse le altre sezioni per ragioni di sicurezza. 

Il percorso museale è accessibile ai disabili è limitato alle sale 27-45 del Museo, presso il quale sono disponibili carrozzette elettriche ai visitatori con disabilità motorie che ne facessero richiesta per l'accesso.  

Servizio di biglietteria

Si comunica che, sino a diversa disposizione, l'accesso del pubblico al Museo Archeologico dei Campi Flegrei e alle Terme di Baia si svolgerà con le seguenti modalità:

a) ingresso libero (cioè senza stacco di biglietto  gratuito) nei giorni da martedì a venerdì in cui la biglietteria del Castello di Baia sarà chiusa;

b) ingresso con biglietto cumulativo (€ 4,00) con diritto all'accesso presso le Terme di Baia, l'Anfiteatro Flavio di Pozzuoli e Parco Archeologico di Cuma;

c) ingresso con biglietto cumulativo (€ 4,00) nei giorni di sabato, domenica e festivi in cui la biglietteria del Castello sarà aperta sino alle 13.00, motivo per cui il pubblico che vorrà accedere alle Terme dovrà prima recarsi alla biglietteria del Castello entro l'orario di apertura per dotarsi preventivamente del biglietto d'ingresso. Dall' 1 ottobre, nei giorni di ingresso a pagamento (sabato, domenica e festivi), l’entrata alle Terme d  Baia è da via Lucullo 94 nella Palazzina Ferretti attraverso la sede del Parco Sommerso, che svolgerà servizio di biglietteria  dalle 9.00 ad 1 ora prima del tramonto. Nei giorni di libero ingresso (dal martedì al venerdì) resta in funzione l’entrata da via delle Terme (ex via Fusaro).

d) ingresso con prenotazione per le scuole i gruppi di visitatori, che per l'ingresso potranno rivolgersi all'Ufficio Archeologico di Baia (tel./ fax 081.5233797).

Negli altri siti dell'area flegrea - Parco Archeologico di Cuma e Anfiteatro Flavio di Pozzuoli - rimangono vigenti i normali orari di apertura della biglietteria per lo stacco dei biglietti di ingresso ai monumenti.

Oggi ti suggeriamo

CAMPI FLEGREI
I calchi in gesso di Baia
Il Ninfeo Imperiale di Punta Epitaffio
Il Sacello degli Augustali di Miseno
 
 

La funzione "Cerca nei luoghi della cultura" permette di ricercare un Museo o un Istituto Culturale tramite la digitazione parziale del nome dell'istituzione o tramite la ricerca di un documento in esso contenuto.

New features in 3.1