Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Home Glossario Achille

Achille

dal greco Αχιλλεύς, nella mitologia greca figlio di Peleo, re dei Mirmidoni, e di Teti, una delle Nereidi. Appreso dalla madre che il suo destino era di morire giovane, avendo raggiunto la gloria, o di vivere una lunga vita insignificante, scelse di divenire un eroe e partì alla volta di Troia ben sapendo che non sarebbe ritornato. Combatté eroicamente finché, per il torto subito da Agamennone, che lo obbligò a cedergli la schiava Briseide, decise di ritirarsi nella sua tenda. Al contempo Teti ottenne da Zeus che la guerra volgesse a favore dei Troiani sino a quando i Greci non avessero reso omaggio al figlio, riparando così all’ingiustizia. Vedendo le sorti achee versare in una situazione di estrema gravità, Patroclo, il migliore amico di Achille, si recò nella sua tenda e si sostituì a lui prendendo in prestito le sue armi, i suoi cavalli ed i suoi uomini, ma fu ferito a morte durante i combattimenti. Solo allora l’eroe, avute nuove armi forgiate per lui da Efesto, riprese il combattimento, facendo strage degli avversari ed uccidendo Ettore. La sua morte non è narrata nell’Iliade, ma è ricordata da tradizioni tarde, a volte notevolmente differenti fra loro, ma accomunate da un particolare: fu per mano di Apollo, o per suo intervento indiretto che Achille compì il suo destino. La promessa, fatta da Teti, di concedere le armi del figlio al più valoroso fra i Greci, innescò la contesa tra Ulisse ed Aiace Telamonio. Nel tumulo, che fu eretto sul Capo Sigeo, furono deposte anche le ceneri dell’amico Patroclo. Achille, nell’oltretomba, divenne uno dei giudici del mondo sotterraneo.
Share |