Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Home Visite tematiche galleria di immagini Berenice; Artemide; Saffo
Vai su di un livello
Oggetto archeologico

Berenice; Artemide; Saffo


Busto di Artemide (5592)

Il busto, di particolare bellezza, rappresenta una donna dai lunghi capelli raccolti in una treccia, che avvolge il capo. La testa, rivolta a sinistra, mostra un viso, di forma allungata, dalla struttura massiccia, con ampia fronte, incorniciata da due bande di capelli, che sulle tempie sono pettinate verso l’alto e fermate nella treccia, grandi occhi, bocca carnosa e mento prominente. Sulla spalla destra è l'himation, che sembra scendere a coprire un solo seno. L'opera, erroneamente interpretata come Berenice, figlia del re di Cirene e sposa di Tolomeo III (247 a. C.), è stata da alcuni identificata come Saffo, sulla base di una certa somiglianza con una statua rinvenuta nel Pireo. In tempi più recenti si è tornati ad una vecchia identificazione del pezzo con Artemide, rappresentata come cacciatrice con una spalla scoperta. Tale identificazione trova un'ulteriore conforto nella collocazione del bronzo accanto ad un altro busto raffigurante Apollo (inv. 5608). Questi due bronzi furono scoperti lungo il lato est del peristilio rettangolare, insieme a diverse altre opere, sicuramente tra loro legate da un filo logico che risulta ancora alquanto controverso, nonostante, l'avvenuta identificazione dei diversi soggetti raffigurati.

Ulteriori informazioni
Codici
  Ente competente: Soprintendenza per i Beni Archeologici delle Province di Napoli e Caserta
Oggetto
  Definizione: busto femminile
  Denominazione/Dedicazione: Berenice; Artemide; Saffo
  Classe e produzione: STATUARIA
  Identificazione: Artemide
  Titolo: Berenice; Artemide; Saffo
Localizzazione geografico-amministrativa
  Stato*: Italia
  regione: CAMPANIA
  provincia: Napoli
  comune: Napoli
  Tipologia: palazzo
  Denominazione: Museo Archeologico Nazionale di Napoli
  Denominazione spazio viabilistico: Piazza Museo, 19 - 80135
  Denominazione raccolta: Museo Archeologico Nazionale di Napoli
  Specifiche: Primo piano, Sala CXVII
Altre localizzazioni geografico-amministrative (reperimento)
  Denominazione: Villa dei Papiri
  Complesso monumentale di appartenenza: Palazzo Reale di Portici
  Denominazione spazio viabilistico: Via Mae
Altre localizzazioni geografico-amministrative (provenienza)
  Denominazione: Herculanense Museum
Altre localizzazioni geografico-amministrative
  Denominazione spazio viabilistico: Via dell'Università 80055
Dati patrimoniali
  Numero*: 5592
  Data: 1871 post
Modalità di reperimento
  Denominazione dello scavo*: Villa dei Papiri
  Data*: 1756/04/29
Cronologia
  Fascia cronologica di riferimento: sec. I a.C.
  Frazione cronologica: terzo quarto
  Da*: 49 a.C.
  A*: 25 a.C.
  Motivazione cronologica: contesto
Definizione culturale
  Denominazione: produzione campana (?)
  Motivazione dell'attribuzione: analisi stilistica
Dati tecnici
  Materia e tecnica: bronzo/ fusione/ incisione
  Unità: cm.
  Altezza: 50
Dati analitici
  Indicazioni sull'oggetto: Busto femminile di dimensioni leggermente maggiori del vero; la calotta cranica è stata fusa separatamente dalla testa.
  Indicazioni sul soggetto: Testa muliebre di dimensioni leggermente maggiori del vero, rivolta a sinistra; il viso, di forma allungata, presenta una struttura massiccia, con grandi occhi, bocca carnosa e mento prominente; i lunghi capelli sono raccolti in una treccia che avvolge il capo; all'altezza delle tempie due bandedi capelli sono pettinate verso l'alto e fermate nella treccia.
  Testo:

Conservazione
  Stato di Conservazione: mutilo
Condizioni giuridica e vincoli
  Indicazione generica: proprietà Stato
  Indicazione specifica: Ministero per i Beni e le Attività Culturali
Fonti e documenti di riferimento
  Bibliografia:

Antichità di Ercolano 1767, tavv. 63-64; RMB, VII, tav. 12; Bernoulli 1882-1894, I, p. 216, nt. 1, p. 235; Comparetti - De Petra 1883, pp. 264-265, n. 24, tav. X, 3; Rayet 1880-1884, II, n. 4, tav. XI; Brunn - Brukmann 1888-1911, n. 835; Pernice 1908, p. 213 ntt. 4-5; Guida Ruesch 1911, n. 849; Bieber 1928, p. 86, tav. LX, 5; Lippold 1950, p. 291, nt. 10; Carpenter 1960, p. 187, tavv. 35, 43; von Heintze 1966, pp. 26-27, 36-38; Jouker 1970; Pandermalis 1971, p. 202, n. 23, p. 179; Wojcik 1986, pp. 89-91, n. C2, tav. XLIII; Neudecker 1988, pp. 153-154, n. 14.58; Collezioni Museo 1989, I.2, p. 128, n. 161, fig. a p. 129; Todisco 1993, p. 90, n. 162; von Heintze 1993; Mattusch 1996, pp. 102-121; Ridgway 1996, pp. 60-61, figg. 10-11; Ridgway 1997, pp. 272-274, figg. 5-6; Zindel 1998, p. 236, n. 1175; Rolley 1999, p. 286; Adamo Muscettola 2000a, p. 25; Ridgway 2000, p. 246; Mattusch 2005, pp. 225-230, figg. 5.89-5.96.