Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Home Percorsi di visita nel Museo Collezione Farnese -... Gruppo statuario raffigurante supplizio di Dirce, cd.Toro Farnese (6002)
Vai su di un livello
Oggetto archeologico

Gruppo statuario


Gruppo statuario raffigurante supplizio di Dirce, cd.Toro Farnese (6002)

Il gruppo scultoreo, definito "la montagna di marmo" perché ricavato da un unico blocco ed inconsiderazione delle sue grandi dimensioni, rappresenta il supplizio di Dirce, legata ad un toro inferocito da Anfione e Zeto come punizione per le angherie ripetutamente inflitte alla loro madre, Antiope. Al centro campeggia l'immagine del toro, enorme ed imbizzarrito, trattenuto per le corna da uno dei due fratelli, mentre l'altro tiene la fune con la quale la sventurata sarà ancorata all'animale; ai piedi del gruppo centrale, a destra un cane ed un pastore osservano la scena, mentre alle spalle emerge la figura di Antiope, stante, con il tirso in mano. Il soggetto, con una forte connotazione dionisiaca che viene dalla presenza del toro e dalla raffigurazione di Antiope come baccante, è frequentemente adoperato in pittura, e riecheggia una famosa opera di due artisti rodii, Apollonio e Taurisco, trasferita a Roma, stando alla testimonianza di Asinio Pollione, alla fine del II sec. a.C. Frutto della spoliazione delle Terme di Caracalla, il Toro giunse a Napoli via mare, nel 1788, e fu destinato ad ornare, insieme alle statue di Tiberio e di Achille e Troilo, la Villa Comunale della Città, dove rimase sino al 1826. Ancora insoluta é la questione relativa alla sua datazione: secondo alcuni si tratterebbe dell'originale di età ellenistica, mentre altri vi individuano l'opera di un copista di età giulio-claudia o di età severiana, al quale sarebbero da attribuire le due figure accessorie di Antiope e del giovane pastore, laddove la struttura piramidale ed i personaggi principali rispecchierebbero fedelmente il prototipo, come risulta dal confronto con le repliche pittoriche. Prima dell'ultimo recente intervento di restauro il Biondi, nel Cinquecento, ed il Calì, nel 1848, avevano operato delle integrazioni, che riguardano le teste, la parte superiore del corpo di Dirce,parte delle gambe e delle braccia, ed il cane.

Ulteriori documenti
tipo: Contenuto non disponibile
Ulteriori informazioni
Codici
  Ente competente: Soprintendenza per i Beni Archeologici delle Province di Napoli e Caserta
Oggetto
  Definizione: Gruppo statuario
  Denominazione/Dedicazione: Gruppo statuario
  Classe e produzione: Scultura
Localizzazione geografico-amministrativa
  Stato*: Italia
  regione: CAMPANIA
  provincia: Napoli
  comune: Napoli
  Denominazione: Museo Archeologico Nazionale di Napoli
  Denominazione spazio viabilistico: Piazza Museo, 19
  Specifiche: Piano terra, Sala XVI
Altre localizzazioni geografico-amministrative (provenienza)
  Provenienza: Roma, Collezione Farnese
Dati patrimoniali
  Numero*: 6002
Dati tecnici
  Altezza: 370
  Larghezza: 295
  Lunghezza: 295
Dati analitici
  Testo:

Condizioni giuridica e vincoli
  Indicazione generica: proprietà Stato
Fonti e documenti di riferimento
  Bibliografia:

Guida Ruesch 1911, n. 260; EAA,VII, s.v. Toro Farnese, pp. 951-952; LIMC, III.1, p. 636, s.v. Dirke, n. 7;LIMC,III.2, p. 503; Ajello - Haskell - Gasparri 1988, pp. 45-47; Collezioni Museo 1989, I.2, p. 154, n. 11;Toro Farnese 1995; Museo archeologico 1994, p. 334; Farnese 1995b, pp. 120, 125; Museo archeologico 1999, p. 45; De Caro 2001b, pp. 34-36.

Ulteriori documenti
tipo: Contenuto non disponibile