Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Home Percorsi di visita nel Museo Numismatica Erma di Lucio Cecilio Giocondo (110663)
Vai su di un livello
Oggetto archeologico

Erma di Lucio Cecilio Giocondo


Erma di Lucio Cecilio Giocondo (110663)

L' erma ritratto, di età augustea, è stata rinvenuta nell'atrio della casa del famoso argentarius pompeiano Lucius Caecilius Iucundus, e ne raffigura un avo. Le fattezze dell'uomo sono riprodotte con un realismo che non indulge ad alcuna deroga: di età non più giovanile, le orecchie a sventola e la vistosa verruca completano un volto segnato da rughe sulla fronte ed ai lati del naso, la cui espressione si connota per la furbizia e l'espressività che traspaiono dagli occhi piccoli e incavati, abilmente realizzati da un artista di grande perizia. L'erma fu dedicata al genio di Lucio dal liberto Felice, come recita l'iscrizione sul pilastrino.

Ulteriori documenti
tipo: Contenuto non disponibile
Ulteriori informazioni
Codici
  Ente competente: Soprintendenza per i Beni Archeologici delle Province di Napoli e Caserta
Oggetto
  Definizione: erma ritratto maschile
  Denominazione/Dedicazione: Erma di Lucio Cecilio Giocondo
  Classe e produzione: STATUARIA
  Identificazione: testa maschile
  Titolo: Erma di Lucio Cecilio Giocondo
Localizzazione geografico-amministrativa
  Stato*: Italia
  regione: CAMPANIA
  provincia: Napoli
  comune: Napoli
  Tipologia: palazzo
  Denominazione: Museo Archeologico Nazionale di Napoli
  Denominazione spazio viabilistico: Piazza Museo, 19 - 80135
  Denominazione raccolta: Museo Archeologico Nazionale di Napoli
  Specifiche: Piano ammezzato, Sala LIV
Dati patrimoniali
  Numero*: 110663
  Data: 1863 post
Cronologia
  Fascia cronologica di riferimento: secc. I a.C./ I d.C.
  Da*: 27 a.C.
  A*: 14
  Motivazione cronologica: bibliografia
Dati tecnici
  Materia e tecnica: bronzo/ fusione
  Unità: cm.
  Altezza: 35
Dati analitici
  Indicazioni sull'oggetto: Erma ritratto maschile; testa ed attributi virili in bronzo su pilastrinomarmoreo con iscrizione che ricorda come l'erma fu dedicata al genio di Lucio dal liberto Felice.
  Indicazioni sul soggetto: Ritratto maschile realistico:l'età non più giovanile, le orecchie a sventola e la vistosa verruca completano un volto segnato da rughe sulla fronteed ai lati del naso, la cui espressione si connota per la furbizia e l'espressività che traspaiono dagli occhi piccoli e incavati. Raffigura un avodi Lucio Cecilio Giocondo.
  Lingua: latino
  Testo:

GENIO. L. NOSTRI/ FELIX. L

  Trascrizione: GENIO. L. NOSTRI/ FELIX. L
Conservazione
  Stato di Conservazione: mutilo
Condizioni giuridica e vincoli
  Indicazione generica: proprietà Stato
  Indicazione specifica: Ministero per i Beni e le Attività Culturali
Fonti e documenti di riferimento
  Bibliografia:

Guida Ruesch 1911, n. 810; Strong 1929, p. 202; Curtius 1935, p. 230; West 1933-1941, p. 235; de Franciscis 1951a, p. 31, figg. 17-20; Dexter 1979, VIII, pp. 178-180; Zanker - Döhl 1979, p. 197; Collezioni Museo 1989, I.2, p. 122, n. 129; Museo archeologico 1994, p. 207; Bonifacio 1997, pp. 92-94, n. 36, tav. XXIX; Collezione numismatica 2001, p. 68, fig. 108.

Ulteriori documenti
tipo: Contenuto non disponibile